Produttività del team

Abbiamo una concezione sbagliata del tempo che passiamo al lavoro

Produttività del teamQuando pensiamo al tempo passato sul luogo lavoro abbiamo una concezione sbagliata. Il tempo passato alla scrivania non significa nulla. Lo stesso vale per l’orario di arrivo in ufficio e per quello di uscita. I nostri bias cognitivi ci portano lontano da questa strada. Fondamentale è smettere, in quanto l’approccio non fa assolutamente bene alle prestazioni lavorative e non aiuta chi punta a coinvolgere i propri dipendenti. Giudicare le performance di un membro del team unicamente per il tempo che passa in ufficio è fortemente riduttivo. Per capire meglio la situazione è utile dare ascoltare il TED Talk sottostante, intitolato Why Work Doesn’t Happen At Work:

Ora possiamo fare riferimento a uno studio di Christopher Barnes, assistant professor of management presso la University of Washington’s Foster School of Business, che si è concentrato sulla eventuale penalizzazione per i lavoratori che hanno la possibilità di usufruire di orari flessibili. I risultati del suo lavoro hanno portato in evidenza come, in molti casi, sia diffuso un pregiudizio su chi inizia a lavorare la mattina presto.

Tra 149 diadi dipendente – supervisore, quelle in cui il dipendente iniziava a lavorare nelle prime ore del mattino erano caratterizzate da commenti migliori da parte del supervisore. Andando più a fondo con lo studio, è stato possibile individuare come i dipendenti, invitati a dare voti a loro colleghi fittizi, tendessero a premiare quelli che lavoravano nella fascia oraria compresa tra le 7 e le 11.

Cosa possono fare i manager per cambiare questa situazione? Ecco qualche rapido consiglio.

  • Consapevolezza dei propri bias: il primo modo per risolvere il problema è esserne consapevoli. Fondamentale è riconoscere di avere un pregiudizio e cercare di combatterlo.
  • Valuta i membri del team in base al loro lavoro: fondamentale è anche valutare i membri del team in base alla qualità del lavoro e non basandosi sul tempo che passano alla scrivania.
  • Usa degli schemi strutturati di revisione delle performance: quando hai dei criteri specifici e uno schema strutturato per misurare le performance del tuo team è molto più difficile che i bias guadagnino terreno.

Cosa pensi di questi consigli? Aspettiamo il tuo punto di vista nei commenti!

 

Condividi questo Articolo

Post Navigation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Articoli Collegati

Telelavoro

Il lavoro oggi si svolge sempre di più in remoto. I cambiamenti in merito hanno e potranno ancora far sorgere dei dubbi a chi è indeciso se adottare o meno tale strada. Per fortuna che a confermare l’efficacia del lavoro in remoto ci pensano diversi esempi di realtà aziendali di primo piano. Quali sono? Vediamone assieme alcune. Buffer: l’azienda legata al tool per social…

Manager

Abbiamo bisogno di servizi bancari, ma non abbiamo più bisogno delle banche – Bill Gates 1997 I prossimi anni vedremo cambiamenti radicali nel mondo delle Banche e Risparmio Gestito. Si stima che più di 90 trilioni di dollari siano oggi distribuiti in contanti, mercati valutari e conti correnti. Nel 2018 solo l’8% è costruito da…

Presentazioni Efficaci

Poco dopo il suo ritorno in Apple nel 1997, Steve Jobs ha tenuto una presentazione riservata ai dipendenti dell’azienda nella Town Hall del campus di Apple. Si è trattato di un riferimento importante nell’ambito delle presentazioni efficaci, di un discorso che ha permesso ai dipendenti di capire a che punto fosse l’azienda e dove si…