Collaboratori poco efficienti? Ecco come gestirli

Collaboratori poco efficienti? Ecco come gestirli

Formare i Manager

Ogni manager ad un certo punto della sua carriera si trova di fronte a collaboratori poco efficienti. Affrontare le scarse prestazioni lavorative può essere difficile, scomodo e persino decisamente imbarazzante. Le buone notizie? Quando si tratta di affrontare questo problema, alcuni piani di base e un po ‘di cuore possono andare molto più lontano di quanto si possa pensare.

Mentre esistono diverse definizioni per ciò che costituisce un “impiegato con scarse prestazioni”, la verità è che il suo significato può variare tra aziende, industrie e individui.

Alla base, tuttavia, si riferisce a qualcuno che non sta tirando il loro peso come parte di una squadra. Questo potrebbe significare una persona che non sta rispettando le proprie quote, manca scadenze per i risultati, è costantemente assente o in ritardo, o non sta operando all’interno di un certo standard di comportamento.

In altre parole, come manager, non dovrebbe richiedere molto tempo per questi individui di apparire sul tuo radar.

Ma una volta fatto? Questi problemi potrebbero essere stati evitati in primo luogo?

Per decenni, occuparsi delle scarse prestazioni lavorative era tradizionalmente riservato alla temuta revisione annuale delle prestazioni. Ma con sempre più organizzazioni leader a livello mondiale che superano questo standard a favore di un approccio più favorevole alle persone, è fondamentale che i team inizino a ridefinire da zero il loro approccio alla sottoperformance.

Affrontare le scarse prestazioni con un dipendente è contemporaneamente una delle conversazioni più delicate e di maggior impatto che potresti avere come manager. Quindi, naturalmente, è anche il momento perfetto per mettere la tua Intelligenza Emotiva (EI) in grado di funzionare per te.

Alessio Sergi

Consulente e docente, appassionato di tecnologia, storia e strategia che cerca sempre di utilizzare come fonti per nuove idee e progetti. Autore del libro "Presentazioni Efficaci" edito da Amazon.

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *