Giovani manager

Gli errori più grandi commessi dai nuovi manager

Giovani managerRicoprire un ruolo di leadership è una vera e propria sfida. Quando si diventa manager non si ha solamente la responsabilità del proprio lavoro, ma anche la necessità di controllare la qualità di quello degli altri. Tutto questo, a lungo andare, può rivelarsi stressante. Chiunque fa errori, ma per un manager, considerata l’importanza del suo ruolo, è particolarmente rilevante impegnarsi per rendere i fail evitabili. Per capire fino a che punto conti questo approccio è utile citare una ricerca di Gallup, che ricorda quanto l’operato dei manager influisca per il 70% sul livello di coinvolgimento dei dipendenti.

Un altro punto di riferimento interessante quando si parla di errori da parte dei manager è il principio di Peter. Messo a punto dallo psicologo Laurence Peter nel 1969, dice che: “in un’organizzazione gerarchica, ogni dipendente tende a crescere di grado fino al proprio livello di incompetenza”. Peter aveva osservato che, in molte aziende, le persone venivano promosse per le loro prestazioni ma poi, quando mettevano in primo piano performance negative, non venivano retrocesse. Come possono le aziende evitare il rischio di tali performance negative? Conoscendo – e imparando a risolvere – i più frequenti errori commessi dai nuovi manager. Eccone alcuni.

  • Non parlare delle proprie sfide: il motivo per cui molti manager non parlano delle sfide che devono affrontare è legato al fatto che pensano di svilire il proprio ruolo o di apparire sprovveduti. Per evitare questo errore bisogna ricordare che non si tratta di un modo di pensare utile alla propria crescita professionale e avere presente il fatto di non essere l’unico leader in tale situazione.
  • Mancanza di focus sugli obiettivi: come manager si ha il preciso dovere di mettere in primo piano un punto di vista più ampio degli atri sul lavoro che si sta portando avanti con il team. Un grande errore che molti manager compiono è quello di cercare il coinvolgimento in ogni piccolo dettaglio del progetto. Invece, come sopra specificato, dovrebbero avere una visione più ampia e pensare agli obiettivi su larga scala.
  • Pensare di doversi comportare come gli altri leader: è normale avere dei mentori, ma è altrettanto importante evitare di fare di tutto per vestire dei panni diversi dai propri. Capita purtroppo di frequente di vedere manager che spendono energie per emulare altrui stili di leadership. Essere così inautentici non può che portare degli svantaggi dal punto di vista della credibilità!

Hai mai commesso questi errori? Quali sono gli strumenti che hai messo in campo per risolverli? Ti aspettiamo nei commenti con la tua opinione!

 

 

Condividi questo Articolo

Post Navigation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Articoli Collegati

Telelavoro

Il lavoro oggi si svolge sempre di più in remoto. I cambiamenti in merito hanno e potranno ancora far sorgere dei dubbi a chi è indeciso se adottare o meno tale strada. Per fortuna che a confermare l’efficacia del lavoro in remoto ci pensano diversi esempi di realtà aziendali di primo piano. Quali sono? Vediamone assieme alcune. Buffer: l’azienda legata al tool per social…

Manager

Abbiamo bisogno di servizi bancari, ma non abbiamo più bisogno delle banche – Bill Gates 1997 I prossimi anni vedremo cambiamenti radicali nel mondo delle Banche e Risparmio Gestito. Si stima che più di 90 trilioni di dollari siano oggi distribuiti in contanti, mercati valutari e conti correnti. Nel 2018 solo l’8% è costruito da…

Presentazioni Efficaci

Poco dopo il suo ritorno in Apple nel 1997, Steve Jobs ha tenuto una presentazione riservata ai dipendenti dell’azienda nella Town Hall del campus di Apple. Si è trattato di un riferimento importante nell’ambito delle presentazioni efficaci, di un discorso che ha permesso ai dipendenti di capire a che punto fosse l’azienda e dove si…