Outsourcing

Outsourcing: tre consigli per non sbagliare

Outsourcing

Da cosa dipende il livello di produttività di un’azienda? Anche dalla capacità di gestire con la giusta attenzione l’outsourcing e l’esternalizzazione di alcuni compiti. Il tempo è un bene molto prezioso, soprattutto quando si ragiona in termini di business e sprecarlo può compromettere il lavoro.

Per questo in alcuni casi esternalizzare è una scelta obbligata, essenziale per ottimizzare il processo produttivo e per renderlo più fluido  in periodi di particolare sovraccarico. Come muoversi? Quali sono i consigli da seguire? Oggi ne abbiamo selezionato alcuni per te.

  • Ragiona sempre in termini di ritorno dell’investimento: esternalizzare un lavoro significa ragionare sempre in termini di ritorno dell’investimento. Se riesci a pagare – parliamo di un prezzo simbolico – cento dollari per esternalizzare un lavoro liberando il tempo per un’attività che ti permette di guadagnarne 250 allora stai seguendo la strada giusta.
  • Quando hai trovato la persona a cui affidare un compito, fornisci subito tutte le informazioni: un errore che molti manager fanno con gli assistenti virtuali è quello di delegare compiti senza fornire la giusta quantità d’informazioni. Se vuoi che il processo di outsourcing porti valore alla tua attività devi lavorare fin da subito sulla qualità della comunicazione, senza dare per scontato di avere davanti una persona in grado di fare tutto senza essere minimamente guidata.
  • Scegli con attenzione i compiti da delegare: ragiona sì in termini di ritorno dell’investimento, ma scegli anche con attenzione i compiti da delegare. Se sai che un lavoro – per esempio la preparazione dei testi per i social dell’azienda – è particolarmente nelle tue corde scegli di occupartene personalmente. L’outsourcing deve essere scelto con coscienza, tenendo conto dell’investimento ma anche delle variabili legate a un determinato compito, che non sempre possono essere comprese da chi non vive in prima persona una realtà aziendale.

Cosa pensi di questi consigli? Li integreresti con qualche altro suggerimento per gestire l’esternalizzazione di commesse aziendali? Aspettiamo la tua opinione nei commenti e sui social!

 

Condividi questo Articolo

Post Navigation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Articoli Collegati

Telelavoro

Il lavoro oggi si svolge sempre di più in remoto. I cambiamenti in merito hanno e potranno ancora far sorgere dei dubbi a chi è indeciso se adottare o meno tale strada. Per fortuna che a confermare l’efficacia del lavoro in remoto ci pensano diversi esempi di realtà aziendali di primo piano. Quali sono? Vediamone assieme alcune. Buffer: l’azienda legata al tool per social…

Manager

Abbiamo bisogno di servizi bancari, ma non abbiamo più bisogno delle banche – Bill Gates 1997 I prossimi anni vedremo cambiamenti radicali nel mondo delle Banche e Risparmio Gestito. Si stima che più di 90 trilioni di dollari siano oggi distribuiti in contanti, mercati valutari e conti correnti. Nel 2018 solo l’8% è costruito da…

Presentazioni Efficaci

Poco dopo il suo ritorno in Apple nel 1997, Steve Jobs ha tenuto una presentazione riservata ai dipendenti dell’azienda nella Town Hall del campus di Apple. Si è trattato di un riferimento importante nell’ambito delle presentazioni efficaci, di un discorso che ha permesso ai dipendenti di capire a che punto fosse l’azienda e dove si…