Soddisfazione sul lavoro

Soddisfazione sul lavoro: come possiamo definirla?


Soddisfazione sul lavoroParlare di soddisfazione sul lavoro e approfondire le caratteristiche di questo aspetto è fondamentale e molti manager incontrano diverse difficoltà al proposito. Per quale motivo? Perché tendono a confondere il coinvolgimento del team con la soddisfazione sul lavoro. Ragionando in questo modo è difficile arrivare a capire che cosa motiva le persone.

Il coinvolgimento lavorativo è molto diverso dalla soddisfazione e dalla felicità e sono davvero tanti i manager aziendali che compiono l’errore di sovrapporre questi piani. Per capire come funziona la soddisfazione sul lavoro è bene partire da due punti: l’ambiente di lavoro e il compenso.

L’ambiente di lavoro influenza in maniera profonda la soddisfazione di chi si occupa di un determinato progetto. Dal colore delle pareti delle stanze, alla presenza o meno di piante e di open space condivisi, sono davvero numerosi gli aspetti ambientali che svolgono un ruolo decisivo nel definire la soddisfazione sul lavoro.

Diversi studi hanno portato in luce come circa l’84% dei lavoratori dipendenti lamenti il fatto che l’ambiente dove opera non è in grado di favorire la concentrazione e di aiutare a esprimere in maniera libera le idee. Non a caso diversi gruppi di grandi dimensioni, come per esempio Google e Apple, hanno progettato gli spazi pensando alla produttività, alla felicità e alla soddisfazione dei vari team di lavoro.

Per quanto riguarda invece il compenso, è bene ricordare che numerosi studi hanno portato alla luce che sono i benefit a influire più del salario sulla soddisfazione dei lavoratori.

La soddisfazione lavorativa del proprio team è un obiettivo essenziale per qualunque manager aziendale. Per muoversi in maniera efficace al proposito è necessario sia tenere conto degli aspetti appena elencati, sia ricordare che, quando i membri del team sono eccessivamente caricati d’impegni (vedi per esempio il rapporto continuo con la tecnologia, con la mail e con le notifiche social), mettono in secondo piano produttività – che cala dopo circa 50 ore – e soddisfazione.

Cosa pensi di questa definizione? La integreresti con altri punti? Ti aspettiamo nei commenti e sui social con la tua opinione.

 

Condividi questo Articolo

Post Navigation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Articoli Collegati

Telelavoro

Il lavoro oggi si svolge sempre di più in remoto. I cambiamenti in merito hanno e potranno ancora far sorgere dei dubbi a chi è indeciso se adottare o meno tale strada. Per fortuna che a confermare l’efficacia del lavoro in remoto ci pensano diversi esempi di realtà aziendali di primo piano. Quali sono? Vediamone assieme alcune. Buffer: l’azienda legata al tool per social…

Manager

Abbiamo bisogno di servizi bancari, ma non abbiamo più bisogno delle banche – Bill Gates 1997 I prossimi anni vedremo cambiamenti radicali nel mondo delle Banche e Risparmio Gestito. Si stima che più di 90 trilioni di dollari siano oggi distribuiti in contanti, mercati valutari e conti correnti. Nel 2018 solo l’8% è costruito da…

Presentazioni Efficaci

Poco dopo il suo ritorno in Apple nel 1997, Steve Jobs ha tenuto una presentazione riservata ai dipendenti dell’azienda nella Town Hall del campus di Apple. Si è trattato di un riferimento importante nell’ambito delle presentazioni efficaci, di un discorso che ha permesso ai dipendenti di capire a che punto fosse l’azienda e dove si…